FRANZONI

Claudio Franzoni

Tiratore Double Trap Beretta

post-it-giallo_claudio_franzoni

Presentazione

Buongiorno a tutti, io sono Claudio Franzoni da Brescia. Sono nato l’1 aprile del ’70 e sono un produttore di vini DOC.

Pratico lo sport del tiro a volo dal 1993 ed il campo di tiro dove mi alleno è il TAV Cieli Aperti di Bergamo. Il Double Trap è la disciplina che pratico con il Beretta DT11 e la mia filosofia di vita è incentrata su tre perni: professionalità, serietà ed umiltà.

 


.

 

Biografia

Claudio Franzoni ha iniziato a sparare all’età di 23 anni, passando tre anni dopo, nel 1996, a competere in gare a livello internazionale, conquistando l’oro alla prova di Coppa del Mondo di Lonato, il settimo piazzamento a quella di Lima, un altro oro al Campionato Europeo di Tallinn ed infine, qualificatosi per la finale, una medaglia d’argento a Montecatini Terme.
Negli anni 1996, 97 e 98 è stato insignito della Medaglia d’Argento al Valore Atletico.
Nel 2003 gli è stata conferita la Medaglia di Bronzo al Valore Atletico.
Nel 2007 ha segnato il Record del Mondo; lo stesso anno lo ha visto competere in Coppa del Mondo a Maribor, dove è arrivato sesto. Al Mondiale di Nicosia si posiziona sesto, partecipando quindi alla Finale che si è svolta a Belgrado, il suo campo preferito, evento nel quale ha portato a casa l’ottava posizione. Nello stesso gli è stata conferita la Medaglia d’Oro al Valore Atletico.
E’ sposato dal 15 ottobre 1989 con Stefania Calzoni e hanno due figlie, Denis, nata il 5 gennaio 1990, e Beatrice, che è nata il 3 dicembre 1995.

 

OLIMPIADI CAMPIONATO DEL MONDO CAMPIONATO EUROPEO
Oro Argento Bronzo Finale Oro Argento Bronzo Oro Argento Bronzo
              Tallin 1996    

Cosa porta con se in pedana?

Il fucile

3_cainero_DT11

Non c’è tiratore al mondo, dal più affermato al principiante, che non conosca le straordinarie prerogative di precisione, bilanciamento, maneggevolezza, durata dei fucili da competizione DT11 Trident Beretta. Claudio Franzoni spara con il Dt11 Beretta.

Gilet Uniform Pro,

Polo,

Cuffie,

Borsa,

Cappello...

.

Intervista

Qual è il tuo fucile preferito?  
Senza dubbio il Beretta DT11 il fucile che uso attualmente.

Perché preferisci usare quel determinato modello di fucile?
Lo preferisco a qualunque altro per il suo bilanciamento e per la sua facilità di brandeggio che ho faticato a trovare prima di utilizzare questo fucile.

Quale è il tuo tiratore preferito?
Il mio tiratore preferito è il tiratore australiano Mark Russell. Di lui ammiro l'eleganza, la simpatia (dato che è una persona che sono riuscita a conoscere personalmente) e soprattutto la sua professionalità.

Chi ti ha ispirato a praticare il tiro a volo?
La persona che mi ha ispirato è senza dubbio mio padre che ha sempre avuto una passione per i fucili e ha sempre praticato con tanta passione questo sport, passione che mi ha trasmesso. Non smetterò mai di ringraziarlo per ciò.

Quale è il tuo campo di tiro preferito?
Il campo da tiro che ritengo essere il migliore sia dal punto di vista di struttura che dal punto di visto di organizzazione per me è quello di Belgrado in Serbia. Ho avuto modo di competere in Coppa del Mondo ed in Campionato Europeo su questo campo e mi sono sempre trovato bene.

Quanti anni avevi quando hai preso in mano il tuo primo fucile?
La prima volta che ho imbracciato un fucile è stato all’età di sette anni. Ero con mio padre nel nostro giardino di casa e lui mi fece provare a sparare. Mi fece colpire solo le foglie secche delle piante, però è stato un avvenimento molto emozionante e che ricordo sempre con molto piacere.

Che consiglio daresti a chi si ispira a te?
Io consiglierei a chiunque volesse praticare questo sport di metterci sempre tantissima passione e soprattutto professionalità perché secondo me sono i cardini fondamentali sui quali si deve basare la carriera atletica di una persona. Senza professionalità non si può pretendere di essere presi sul serio.
.

 

Video & Foto