FRASCA-2014_1

Erminio Frasca

Tiratore Trap Beretta

post-it-giallo_erminio_frasca

Presentazione

Ciao a tutti, io sono Erminio Frasca e sono un trappista dal 1998. Sono nato Priverno il 5 giugno del 1983 e mi alleno a Roma con il Beretta DT11.

Sono un atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Oro e la mia filosofia di vita sta nel riuscire a trovare un giusto equilibrio tra l’essere una persona socievole ed il saper stare con sé stessi.

 


.

 

Biografia

Erminio ha iniziato a sparare all’età di 15 anni e nel 2001, all’età di 18 anni ha fatto la sua prima apparizione in gare internazionali riconosciute dalla ISSF, la World Cup di Americana, dove è salito sul terzo gradino del podio, ed il Campionato Europeo di Zagabria, dove, anche lì ha conquistato la medaglia di bronzo.
Nel 2003, quando era ancora junior, ha vinto i suoi primi due ori ISSF durante il Campionato del Mondo di Nicosia ed il Campionato Europeo di Brno. Nel 2005 invece, passato senior, si è classificato secondo nella Coppa del Mondo di Belgrado.
L’anno seguente, il 2006, è stato coronato da un argento al Campionato del Mondo di Zagabria, due bronzi ottenuti rispettivamente alla Coppa del Mondo di Suhl e alla Finale di Coppa del Mondo di Granada ed un primo posto all’Europeo di Maribor.
Nel 2007 si è classificato terzo alla World Cup di Santo Domingo, posizione che lo ha catapultato alla Finale di Belgrado, dove ha vinto con un totale di 140 piattelli.
Nel 2008 ha partecipato ai Giochi Olimpici di Pechino, dove è entrato nella finale a 6.
Nel 2012 è arrivato secondo alla Coppa del Mondo di Tucson, Arizona.
La massima onorificenza che ha ricevuto è la Medaglia d'Oro al Valore Atletico. Ha ricevuto quindi anche tutte le onorificenze inferiori (Medaglia di Bronzo e Medaglia d'Argento).

Erminio è impegnato sentimentalmente.

OLIMPIADI CAMPIONATO DEL MONDO CAMPIONATO EUROPEO
Oro Argento Bronzo Finale Oro Argento Bronzo Oro Argento Bronzo
      6 Beiging 2008 Nicosia 2003 JR Zagreb 2006   Maribor 2006 Brno 2003 JR   Zagreb 2001 JR

 

Cosa porta con se in pedana?

Il fucile

3_cainero_DT11

Non c’è tiratore al mondo, dal più affermato al principiante, che non conosca le straordinarie prerogative di precisione, bilanciamento, maneggevolezza, durata dei fucili da competizione DT11 Trident Beretta. Erminio Frasca spara con il Dt11 Beretta.

Gilet Uniform Pro,

Tuta Uniform Pro,

Cappello,

Polo,

Cuffie,

Occhiali,

Borsa,

Salvietta...

.

Intervista

Qual è il tuo fucile preferito?
Amo tutti i fucili della Beretta, ma sono molto soddisfatto di quello che utilizzo attualmente, il Beretta DT11.

Perché preferisci usare quel determinato modello di fucile?
Preferisco utilizzare proprio questo modello perché credo che sia stata un'innovazione nel mondo del tiro a volo. Non ho mai usato un fucile così performante.

Quale è il tuo tiratore preferito?  
Più che un tiratore preferito posso affermare di stimare i tiratori ed i tecnici italiani. Siamo una scuola che ha dimostrato e continua a dimostrare a tutto il mondo l'enorme potenziale che questa nazione ha da offrire.

Chi ti ha ispirato a praticare il tiro a volo?
E’ stato mio padre ad indirizzarmi verso il tiro a volo; essendo lui un tiratore da tantissimi anni, il vederlo sparare ed il seguirlo sui campi di tiro mi ha trasmesso la sua stessa passione.

L’aneddoto più bello legato al tiro a volo?
Non c'è un aneddoto in particolare. Posso dire però che ci sono molti episodi curiosi e momenti  unici condivisi con i miei compagni di squadra e con il mio direttore tecnico che ricordo con molto piacere.

Quale è il tuo campo di tiro preferito?
Tra i miei campi preferiti in Italia c'è sicuramente Lonato è senza ombra di dubbio uno dei più belli. Altro mio campo preferito è quello di Todi, il TAV Umbriaverde, dove la Nazionale svolge multi raduni di preparazione, e quindi trascorro all’interno di esso e del suo complesso molto tempo. All'estero un altro impianto che mi piace molto è quello di Belgrado. Oltre ad essere un bellissimo campo da tiro è anche il luogo dove ho ottenuto dei risultati importanti e quindi al quale in qualche modo sono rimasto legato.

Quanti anni avevi quando hai preso in mano il tuo primo fucile?
La prima volta che ho preso un fucile in mano ero veramente molto piccolo; avrò avuto 7-8 anni. È stato nel campo da tiro di famiglia quindi in un ambiente molto familiare.

Quali sono i tuoi obiettivi e piani per il futuro?
Il mio obiettivo è quello di lavorare  giorno dopo giorno con costanza e serietà. Credo che solo così si possano raggiungere obiettivi più importanti.

Che consiglio daresti a chi si ispira a te?
A chi si ispira a me (così come ad altri personaggi sportivi) consiglierei di osservare e prendere il meglio da ognuno di noi. Adattandolo però alle proprie esigenze, aspettative, e personalità.

 

Video & Foto