tiratori_Beretta_1

Simone Lorenzo Prosperi

Tiratore Trap Beretta

post-it-giallo_simone_lorenzo_prosperi

Presentazione

Io sono Simone Lorenzo Prosperi e sono un tiratore di Fossa Olimpica dal 2000. Sono nato a Velletri ma è di Artena nel 1985, il 7 giugno; mi alleno sui campi di tiro di Lunghezza e Rocca Massima con il fucile della Beretta modello DT11. Sono un atleta del Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro e la mia filosofia di vita è si deve avere sempre determinazione e perseveranza nel raggiungimento degli obiettivi prefissati.

 


.

 

Biografia

Simone ha iniziato a sparare nel 2000 all’età di 15 anni nella specialità del trap. Nel 2007 ha partecipato alla sua prima Universiadi, la 24esima edizione che si è tenuta a Bangkok, in Thailandia, dove si è piazzato al primo posto sia nella classifica individuale che in quella a squadre.
Nel 2010 si è classificato secondo nella Finale del Campionato Italiano Eccellenza che si è svolta a Lonato.
Nel 2011 è salito di nuovo sul podio delle Universiadi, che quell’anno si erano tenute a Shenzen, in Cina. Durante questa edizione ha ottenuto il terzo posto individuale ed il primo posto a squadre. Nello stesso anno ha partecipato al Grand Prix of the Union con sede ad Almaty, dove si era piazzato quinto nell’individuale e di nuovo primo a squadre.
Il 2013 è arrivato di nuovo 3’ alla 27esima edizione delle Universiadi, che stavolta si erano tenute a Kazan, in Russia e grazie al suo aiuto, di nuovo, la squadra italiana ha vinto l’oro. Lo stesso anno si è piazzato sul secondo gradino del podio nella Finale del Campionato Italiano Eccellenza che si è tenuta al TAV Acquaviva.
Ha ricevuto dalla Polizia di Stato la Stella Oro per i Meriti Sportivi. Attualmente Simone è fidanzato.

 

Cosa porta con se in pedana?

Il fucile

3_cainero_DT11

Non c’è tiratore al mondo, dal più affermato al principiante, che non conosca le straordinarie prerogative di precisione, bilanciamento, maneggevolezza, durata dei fucili da competizione DT11 Trident Beretta. Simone Lorenzo Prosperi spara con il Dt11 Beretta.

Gilet da tiro,

Tuta Uniform Pro,

Cappello,

Polo,

Maglietta tecnica Beretta,

Cuffie,

Occhiali...

.

Intervista

Qual è il tuo fucile preferito?

Il mio fucile preferito è il Beretta DT11, quello con il quale mi alleno e sparo in competizione.

Perché preferisci usare quel determinato modello di fucile?

A preferenza lo metto sopra a tutto i gli altri fucili che ho provato poiché ha un connubio perfetto tra stabilità e velocità di brandeggio dell’arma.

Quale è il tuo tiratore preferito?

Il mio tiratore preferito è la medaglia d’oro dei Giochi Olimpici di Sydney 2000, Michael Diamond. Di lui mi impressiona particolarmente la sua velocità di esecuzione e la sua costanza nei risultati nonostante il passare degli anni. Queste qualità fanno di lui un grande campione che ha lasciato il suo segno nella storia di questo sport.

Chi ti ha ispirato a praticare il tiro a volo?

La persona che mi ha ispirato ad entrare in pedana per la prima volta è stato mio padre.

L’aneddoto più bello legato al tiro a volo?

L’aneddoto più bello è senza alcuna ombra di dubbio quello legato alle Universiadi che si sono svolte a Bangkok nel 2007. Sbagliai l’ultimo piattello in finale e andai pari merito ad un altro tiratore di origine ucraine. Mi cadde il mondo addosso perché avevo sciupato un occasione d’oro, successivamente insieme al CT mi ricaricai psicologicamente e affrontai lo shoot off alla grande vincendo al decimo piattello. E’ un ricordo stupendo che mi ha insegnato a non perdere mai la concentrazione e non mollare fino alla fine.
   
Quale è il tuo campo di tiro preferito?

Secondo me il campo di tiro migliore, tra quelli che ho provato, è quello di Lonato, il Trap Concaverde, perché è quello più completo sia a livello di tecnicità che a livello di completezza di campi.

Quanti anni avevi quando hai preso in mano il tuo primo fucile?

La prima volta che ho imbracciato un fucile avevo 12 anni e ricordo che ero molto emozionato. Mi trovavo a caccia, non avrei nemmeno dovuto sparare quel giorno, ma mi proposero di provare e non seppi resistere. Quel giorno è stato quello in cui ho abbattuto il mio primo fagiano.

Quali sono i tuoi obiettivi e piani per il futuro?

I miei propositi per il futuro sono ovviamente quelli di affermarmi nel mondo del tiro a volo nella gare a livello mondiale e perché no un giorno riuscire a partecipare ad una Olimpiade e magari vincerla anche!
 
Che consiglio daresti a chi si ispira a te?

Mi sentirei onorato se qualcuno si ispirasse a me, poiché avrà sicuramente visto delle qualità per voler essere come me. Allo stesso tempo però gli consiglierei anche di accrescere e di fortificare il suo modo di essere e la sua personalità, poiché tutte le persone sono tra di loro diverse.

 

Video & Foto