alessia_iezzi_banner

Alessia Iezzi

Tiratrice Trap Beretta

post-it-giallo_alessia_iezzi

Presentazione

Ciao a tutti, mi chiamo Alessia Iezzi e sono una tiratrice di Fossa Olimpica, disciplina nella quale sparo con il Beretta DT11 allenandomi al TAV Sant’Uberto.

Sono nata a Chieti il 23 Luglio del 1996 ed attualmente sono una studentessa. Ho iniziato a praticare il tiro a volo nel 2005 e la mia filosofia di vita è che a tanti sacrifici spesso corrispondono buoni risultati.

 


.

 

Biografia

Una giovanissima Alessia iniziò a sparare nel 2005 all’età di 9 anni, facendo la sua apparizione sulla scena internazionale nel 2011 al Campionato del Mondo di Belgrado, dove portò a casa la quarta posizione.
Nel 2013 è salita sul terzo gradino del podio vincendo la medaglia di bronzo junior al Mondiale che si è svolto a Lima in Perù.
 

OLIMPIADI CAMPIONATO DEL MONDO CAMPIONATO EUROPEO
Oro Argento Bronzo Finale Oro Argento Bronzo Oro Argento Bronzo
            Lima 2013 JR     Sarlospuszta 2014 JR

Cosa porta con se in pedana?

Il fucile

3_cainero_DT11

Non c’è tiratore al mondo, dal più affermato al principiante, che non conosca le straordinarie prerogative di precisione, bilanciamento, maneggevolezza, durata dei fucili da competizione DT11 Trident Beretta. Alessia Iezzi spara con il Dt11 Beretta.

Cappello,

Borsa,

Salvietta...

.

Intervista

Qual è il tuo fucile preferito?

Il mio fucile preferito è il Beretta DT 11, quello che utilizzo attualmente quando mi alleno ed in competizione.
 
Perché preferisci usare quel determinato modello di fucile?

Lo preferisco a qualunque altro fucile poiché é un fucile tecnico, versatile, bello e rispondente a tutte le mie esigenze. Non mi ha mai deluso e non lo cambierei con nessun altro.

Quale è il tuo tiratore preferito?

La mia tiratrice preferita è la medaglia d’oro italiana di Londra 2012 Jessica Rossi.  Secondo me è la migliore perché è una tiratrice fortissima che dimostra sempre di essere all’altezza di qualunque sfida, e perché, avendo avuto il piacere di conoscerla ho potuto personalmente riscontrare il suo carattere molto gioviale.

Chi ti ha ispirato a praticare il tiro a volo?  

La persona che mi ha ispirato a praticare lo sport del tiro a volo è stato mio padre, Antonello Iezzi che è anche il mio mentore.

Quale è il tuo campo di tiro preferito?

Il mio campo preferito è l’Associazione Sportiva Dilettantistica Tiro a Volo Sant’Uberto, dove mi alleno sempre e sul quale ho ottenuto delle grandi soddisfazioni personali.

Quanti anni avevi quando hai preso in mano il tuo primo fucile?

Il mio primo fucile lo presi in mano all'età di otto anni. Mio padre pratica da quando ho memoria questo sport ed in quella particolare occasione ero andata a vederlo ad una gara. Al termine di essa mi fece provare ad imbracciare il fucile. Non posso che ammettere che fu amore a “primo tocco”.

Quali sono i tuoi obiettivi e piani per il futuro?

Non ho dei piani ben precisi per il futuro, non so dove gli eventi mi porteranno, ma ho degli obiettivi ben precisi. Mi sono prefissata dei livelli di gare alle quali voglio arrivare con la massima preparazione possibile. A questo punto direi che i miei piani sono allenamenti, allenamenti ed ancora allenamenti.

.

 

Video & Foto