Anton-Glansovic_ok

Anton Glasnovic

Tiratore Trap e Double Trap Beretta

post-it-giallo_anton_glasnovic_ITA

Presentazione

Ciao a tutti! Mi chiamo Anton Glasnovic e sono sparo nel trap e nel double trap dal 1998. Sono nato in Croazia, a Zagreb, il 18 Gennaio 1981 e mi alleno lì tutt’oggi con il mio DT11 di Beretta. La mia filosofia di vita è che, se fai del bene, verrai ricompensato.

 


 

Biografia

Anton ha iniziato a sparare sia nel trap che nel double trap a 17 anni e nel 2000 ha gareggiato nel suo primo campionato ISSF: double trap nella Coppa del Mondo di Lonato ed in entrambe le discipline nel Campionato Europeo di Montecatini.
Nel 2001 ha vinto le sue prime due medaglie, entrambe durante il Campionato del Mondo del Cairo: un argento nel double trap e un bronzo nel trap.
Nel 2009 ha vinto la medaglia di bronzo nella Coppa del Mondo di Monaco nella disciplina del trap.
Durante Londra 2012 ha partecipato sia alle gare di trap che ha quelle di double trap arrivando sesto nel trap.
Il 21 Giugno 2013 ha sposato Marijana e lo stesso anno ha partecipato al Campionato del Mondo di Lima, vincendo l’argento nel trap. Il 18 dicembre di quell’anno è diventato padre di Lorena.

 

OLIMPIADI CAMPIONATO DEL MONDO CAMPIONATO EUROPEO
Oro Argento Bronzo Finale Oro Argento Bronzo Oro Argento Bronzo
      6° London 2012   Lima 2013  Cairo 2001 JR       

Cosa porta con se in pedana?

Il fucile

3_cainero_DT11

Non c’è tiratore al mondo, dal più affermato al principiante, che non conosca le straordinarie prerogative di precisione, bilanciamento, maneggevolezza, durata dei fucili da competizione DT11 Trident Beretta. Il tiratore spara con il Dt11 Beretta.

Gilet da tiro,

Tuta Uniform Pro,

Cappello,

Polo,

Maglietta tecnica Beretta,

Cuffie,

Occhiali...

.

Intervista

Qual è il tuo fucile preferito?
Il mio fucile preferito è il DT11 di Beretta, quello che sto usando.

Perché preferisci usare quel determinato modello di fucile?
Mi piace questo fucile perché ha delle buone performance ed è anche molto bello a vedersi, è di buona manifattura. In più ha un buon bilanciamento.

Chi è il tuo tiratore preferito?
Il mio tiratore preferito è David Kostelecky. Per me è un tiratore molto bravo perché è un brav’uomo e mi piace il suo modo d’essere, come affronta una competizione.

Chi ti ha ispirato a praticare il tiro a volo?
Mio padre, perché andava a caccia e l’ho sempre ammirato.

L’aneddoto più bello riguardante il tiro a volo?
Il mio ricordo più bello è connesso alla caccia. Ero solito andare a caccia con mio padre e mio fratello e penso che se non l’avessi mai fatto non sarei mai diventato un tiratore.

Qual è il tuo campo da tiro preferito?
Il mio campo preferito è “Kovilovo” a Belgrado perché è molto bello e c’è tutto in un solo posto. Mi è capitato di gareggiare lì e mi sono sempre trovato bene.

Quanti anni avevi quando hai preso in mano il tuo primo fucile?
Qualche anno fa, dopo una giornata di caccia, provammo il trap americano e colpii 1 bersaglio su 10. Mi sentii benissimo e realizzai che mi sarebbe piaciuto diventare un tiratore.

Quali sono i tuoi obiettivi e piani per il futuro?
Il mio piano per il futuro è di allenarmi tanto e fare tutto il mio meglio per vincere una medaglia olimpica. Forse Rio 2016 sarà l’occasione giusta.

Che consigli daresti a chi si ispira a te?
Il mio consiglio è di essere tenace perché si verrà ripagati dello sforzo.

 

Video & Foto