tiratori_Beretta_1

Christian Eleuteri

Tiratore Skeet Beretta

post-it-giallo_christian_eleuteri

Presentazione

Io sono Christian Eleuteri, sono uno skeettista con il Beretta DT11 Trident e mi alleno al campo di tiro TAV Cisterna.

Sono nato il 13 novembre del ’83 a Latina e nella vita sono un agente del Corpo Forestale dello Stato.

Ho iniziato a sparare nel 1999 e la mia filosofia di vita è di cercare di godermi ogni giorno prendendo quello che viene.

 


.

 

Biografia

Christian iniziò  a sparare all’età di 16 anni e debuttò sullo scenario internazionale della ISSF nel 2001 partecipando sia quell’anno che quello successivo ai Campionati Europei junior tenutisi rispettivamente a Zagabria e a Lonato.
L’anno successivo, il 2003 è stato un grande anno perché il nostro Christian ottenne la medaglia d’oro al Campionato del Mondo di Delhi e un ottimo quarto posto all’Europeo junior di Brno. Nel 2005 vince la medaglia d’argento alla Prova di Coppa del Mondo svoltasi a Changwon.
E’ stato premiato con la medaglia D’Oro al Valore Atletico.
Si sposa il 30 agosto 2014.
.

 

 

 

Cosa porta con se in pedana?

Il fucile

3_cainero_DT11

Non c’è tiratore al mondo, dal più affermato al principiante, che non conosca le straordinarie prerogative di precisione, bilanciamento, maneggevolezza, durata dei fucili da competizione DT11 Trident Beretta. Christian Eleuteri spara con il Dt11 Beretta.

Gilet forestale,

Tuta Uniform Pro,

Cappello forestale,

Polo,

Maglietta tecnica Beretta,

Occhiali,

salvietta...

.

Intervista

Qual è il tuo fucile preferito?
In assoluto il DT11 Trident ma anche il ASE90.

Perché preferisci usare quel determinato modello di fucile?
Perché mi dà molta fiducia in quanto è molto stabile e ben maneggevole.

Quale è il tuo tiratore preferito?
I miei tiratori preferiti sono due, Andrea Benelli ed Ennio Falco con il quale ho avuto la fortuna di fare molte gare insieme.

Chi ti ha ispirato a praticare il tiro a volo?
Mio padre Antonio.

L’aneddoto più bello legato al tiro a volo e perché?  
Mio padre mi ha sempre detto che per vincere bisogna fare molti sacrifici, quest’anno me l’ha letteralmente gridato  dopo che ho vinto il Campionato Italiano. Dopo ciò devo ammettere che aveva proprio ragione.

Quale è il tuo campo di tiro preferito?
Mi piace molto il campo di Belgrado dove ho avuto l’opportunità di disputare molte gare.

Quanti anni avevi quando hai preso in mano il tuo primo fucile?
Avevo 8 anni ed avevo accompagnato a caccia mio padre. Egli mise una mela su un paletto e mi disse “spara!” Tutto convito tirai tre fucilate, ma la mela rimase intatta; fui un po’ deluso, ma in compenso potai con una certa maestria l’albero di ulivo che era situato dietro al paletto!

Quali sono i tuoi obiettivi e piani per il futuro?
Il mio sogno è partecipare alle Olimpiadi ma prima di tutto vorrei riuscire a vincere un Campionato del Mondo.

Che consiglio daresti a chi si ispira a te?
Direi di praticare questo sport con tutta la passione possibile perché ti rende migliore anche nella vita.

 

Video & Foto