tiratori_Beretta_1

Emanuele Fuso

Tiratore Skeet Beretta

post-it-giallo_emanuele_fuso

Presentazione

Io sono Emanuele Fuso e sono un tiratore di skeet di Foligno. Sono nato il 7 luglio del 1983 e sparo dal 2000, attualmente con il fucile Beretta 692 allenandomi a Foligno. Sono un Atleta Militare del Centro Olimpico Sportivo dell’Esercito e la mia filosofia di vita è vivi e lascia vivere.

 


.

 

Biografia

Emanuele ha iniziato a sparare all’età di 17 anni.
Nel 2010 gli è stata consegnata la medaglia di Bronzo per i risultati sportivi ottenuti.
Il 10 aprile del 2011 ha vinto il 1°GP FITAV ISSF categoria Eccellenza al TAV Falco e 7 giorni dopo, ha vinto il 1°GP categoria Eccellenza al TAV Bottaccia, dove ha sparato 99 piattelli su 100.
L’anno seguente, il 21 giugno, è stato il primo classificato assoluto la gara internazionale Green Cup di Acquasparta.
Durante il 2013, nel mese di aprile, ha vinto il 1°GP ISSF categoria Eccellenza che si è svolta la TRAP Concaverde; nel mese di giugno invece ha vinto la categoria Eccellenza del Campionato Italiano Forze Armate del TAV Umbriaverde, mentre nel novembre dello stesso anno ha portato a casa una medaglia d’argento a squadre al Mondiale Militare che si è solvo in Qatar.
L’anno successivo, il 2014 è iniziato con un bronzo individuale nel African Shooting Championship del Cairo, in Egitto.   
.

 

Cosa porta con se in pedana?

Il fucile

Main_Banner_692_ita1

Il nuovo fucile da tiro Beretta 692 è una miscela di successo di tradizione e tecnologia, per garantire una balistica superiore e un’ergonomia migliore, ed un design elegante che lo rende un eccezionale fucile per il tiro a volo.

 

Gilet da tiro,

Tuta Uniform Pro,

Cappello,

Polo,

Maglietta tecnica Beretta,

Cuffie,

Occhiali...

.

Intervista

Qual è il tuo fucile preferito?
Il mio fucile preferito è il Beretta Ase90, nonostante non sia quello con il quale attualmente mi alleno, rimane sempre il mio fucile del cuore.

Perché preferisci usare quel determinato modello di fucile?
Lo preferisco a qualunque altro fucile per la facilità di brandeggio e per la sua bellezza estetica.

Quale è il tuo tiratore preferito?
Il mio tiratore preferito è la medaglia d’oro di Atene 2004 Andrea Benelli. Lo ammiro semplicemente perché è il più forte tiratore di sempre, ed ora è anche un ottimo allenatore.

Chi ti ha ispirato a praticare il tiro a volo?
E’ stato mio padre ad ispirarmi a praticare questo sport. Lui ha sempre praticato il tiro a volo a livello amatoriale, ma soprattutto è sempre stato un grande, grandissimo cacciatore.

L’aneddoto più bello legato al tiro a volo?
Potrei scrivere un libro intero sui ricordi più belli legati allo sport del tiro, ma su tutti ne scelgo uno in particolare, il primo della mia vita tiravolistica: alla mia prima serie, al mio primo piattello, un amico di nome Alfredo Petroni, anche lui tiratore di skeet ed ex Nazionale, mi disse: “lo vedi quell’aereo in cielo? Se ti da fastidio, beh, lo Skeet non è una disciplina che fa per te”.

Quale è il tuo campo di tiro preferito?
Il mio campo di tiro preferito è di Capua, il Tiro a volo Falco, dove ho realizzato il mio primo 147/150 vincendo un Gran Premio Categoria Eccellenza. E’ un ricordo a me molto caro e quindi non posso che ricordare con piacere i campi di quell’impianto di tiro che oltre a tutto è anche un’ottima struttura a livello di tecnica.

Quanti anni avevi quando hai preso in mano il tuo primo fucile?
La prima volta che imbracciai un fucile avevo 14 anni. Sparai il mio primo colpo e ricordo che mio padre mi teneva per sicurezza il fucile, poiché temeva che non riuscissi a tenerlo da solo dato il suo peso ed il rinculo del colpo.

Quali sono i tuoi obiettivi e piani per il futuro?
Nel miei piani per il futuro c’è indubbiamente quello di continuare ad allenarmi assiduamente in modo tale da poter dimostrare il mio talento non solo in Italia, ma anche all’estero in competizioni internazionali.

Che consiglio daresti a chi si ispira a te?
Il mio consiglio l’ho maturato con l’esperienza e osservando gli altri. Anche sparando relativamente poco, si possono raggiungere grandi risultati, basta credere in se stessi e non lasciarsi demoralizzare dalle brutte situazioni.

 

Video & Foto