Serrano_1

Jesus Serrano Lara

Tiratore Trap Beretta

post-it-giallo_jesus_serrano_lara_ITA

Presentazione

Ciao a tutti! Sono Jesus Serrano e sparo nella disciplina del trap dal 1996. Di solito mi alleno a Granada e a Avila con il DT11 di Beretta. Sono un atleta e un Ranger. Sono nato a Tomelloso, in Spagna, il 3 Luglio 1978 e vivo la mia vita amando quello che faccio, praticare sport.

 

 

 

Biografia

Jesus ha iniziato a sparare a 22 anni e ha gareggiato in un evento ISSF nel Campionato del Mondo di Lima nel 1997, dove è arrivato decimo.
Nel 2003 ha vinto il bronzo alla Coppa del Mondo di Granada e l’anno successivo, il 15 di Maggio, si è sposato con Carmen.
Nel 2007 ha vinto l’oro nella Coppa del Mondo di Maribor ed è diventato padre di una bambina, Estela, nata il 21 marzo.
Ha preso parte alle Olimpiadi di Beijing nel 2008 e nel 2009 ha vinto la medaglia d’argento nella Coppa del Mondo del Cairo.
Nel 2011 ha vinto la Coppa del Mondo di Maribor e ha ottenuto la qualificazione per le Olimpiadi di Londra. Ha vinto anche la medaglia di bronzo nella Coppa del Mondo di Concepcion, in Chile.
Si è aggiudicato la quinta posizione a Londra 2012 e il terzo posto alla finale di Coppa del Mondo di Maribor.

 

OLIMPIADI CAMPIONATO DEL MONDO CAMPIONATO EUROPEO
Oro Argento Bronzo Finale Oro Argento Bronzo Oro Argento Bronzo
      5° London 2012            

Cosa porta con se in pedana?

Il fucile

3_cainero_DT11

Non c’è tiratore al mondo, dal più affermato al principiante, che non conosca le straordinarie prerogative di precisione, bilanciamento, maneggevolezza, durata dei fucili da competizione DT11 Trident Beretta. Jesus Serrano Lara spara con il Dt11 Beretta.

Gilet da tiro,

Tuta Uniform Pro,

Cappello,

Polo,

Maglietta tecnica Beretta,

Cuffie,

Occhiali...

.

Intervista

Qual è il tuo fucile preferito?
Il mio fucile preferito è quello che sto usando, il DT11 di Beretta.

Perché preferisci usare quel determinato modello di fucile?
Amo questo fucile per la sua tecnologia e affidabilità. Non mi sono mai trovato bene come con il DT11.

Chi è il tuo tiratore preferito?
Il mio tiratore preferito è Giovanni Pellielo. Credo che sia il miglior tiratore di sempre per la sua costanza sul campo. Con lui c’è sempre la garanzia di un buon risultato.

Chi ti ha ispirato a praticare il tiro a volo?
La mia ispirazione è stata mio padre, perché anadava sempre in campo da tiro ad allenarsi e, quando andavo con lui, vederlo sparare mi fece innamorare dello sport e decisi di provare per diventare un grande tiratore.

L’aneddoto più bello riguardante il tiro a volo?
L’aneddoto più curioso connesso a questo sport risale a quando rimasi per due giorni in aeroporto in Messico perché un volo aveva subito dei problemi e arrivai a destinazione solo 7 ore prima della competizione. Non ebbi la possibilità di allenarmi e così non finii tra i primi 10 in classifica. Adesso mi diverto a raccontare questa storia, ma al momento non fu per niente divertente.

Qual è il tuo campo da tiro preferito?
Senza ombra di dubbio è quello Sloveno, dove ho vinto 2 Coppe del Mondo e ottenni 2 qualificazioni per le Olimpiadi.

Quanti anni avevi quando hai preso in mano il tuo primo fucile?
La prima volta avevo 14 anni e andai a caccia con mio padre. Mi propose di provare il fucile e la sensazione che provai fu spettacolare.

Quali sono i tuoi obiettivi e piani per il futuro?
I miei piani sono di allenarmi il più possibile per partecipare a Rio 2016, ed essere così competitivo da riuscire ad arrivare in finale e vincere una medaglia.

Che consigli daresti a chi si ispira a te?
Vorrei solo avvisare chiunque che questo sport richiede moltissimo allenamento e amore, tutti dovrebbero allenarsi ogni giorno se possibile. Ma è anche importante prenderlo con tranquillità, perché lo stress può rovinare tutto.

Video & Foto