Mauro-deFilippi

Mauro De Filippis

Tiratore Trap Beretta

post-it-giallo_mauro_de_filippis

Presentazione

Ciao, sono Mauro De Filippis, sono nato il 10 Agosto 1980 a Taranto e sono un Agente Polizia c/o G.S. “Fiamme Oro” della Polizia di Stato. Ho iniziato a sparare nel 1996, sono un trappista e mi alleno a Ponso (Pd) e Conselice (Ra) con il mio Beretta DT11.

 


 

Biografia

Mauro de Filippis, tarantino, classe 1980 è un talento cristallino del panorama tiravolistico italiano. Si avvicina al tiro a volo nel 1996, sotto la guida dei genitori, anche loro appassionatissimi di tiro a volo, e nello stesso anno vince il titolo italiano dedicato alle giovani promesse.
Dal 1997 ad oggi Mauro ha sempre fatto parte della Nazionale Italiana, con la quale ha conquistato nel 2010 una prova di Coppa del Mondo e nel 2014 il titolo Europeo a squadre. Mauro è dal 2001 uno degli atleti di spicco del Gruppo Sportivo Fiamme Oro della Polizia di Stato con cui ha vinto in Italia numerosissimi titoli individuali ed a squadre.

 

Cosa porta con se in pedana?

Il fucile

3_cainero_DT11

Non c’è tiratore al mondo, dal più affermato al principiante, che non conosca le straordinarie prerogative di precisione, bilanciamento, maneggevolezza, durata dei fucili da competizione DT11 Trident Beretta. Mauro De Filippis spara con il Dt11 Beretta.

Gilet da tiro,

Tuta Uniform Pro,

Cappello,

Polo,

Maglietta tecnica Beretta,

Cuffie,

Occhiali...

.

Intervista

Qual è il tuo fucile preferito?
Quello attualmente in uso DT11 di Beretta.

Perché preferisci usare quel determinato modello di fucile?
Perché lo ritengo il giusto compendio tra innovazione-affidabilità e prestazioni.

Quale è il tuo tiratore preferito e perché?
Jessica Rossi, vivo con lei sarebbe davvero difficile dire altrimenti... è armata ed anche molto precisa!

Chi ti ha ispirato a praticare il tiro a volo?
I miei genitori lo praticavano da ragazzi e avendo custodito per anni un 680 da trap della Beretta, ricordo di mio nonno anch’egli super appassionato di tiro a volo ma prematuramente passato a miglior vita, ho voluto provare ad utilizzarlo.

L’aneddoto più bello legato al tiro a volo e perché?
Amo il mio sport per le emozioni che continuamente mi regala, quindi potrei citarne all’infinito. Vorrei però raccontare una delle emozioni che più hanno segnato. Durante la finale di Jessica dei Giochi Olimpici di Londra 2012 segnata dalla sua fantastica e strepitosa vittoria, quando Jessica ha mancato il 92° bersaglio il 17° di finale dagli spalti  gremiti di gente del Royal Artillery Barracks si è levato una coro di sconcerto, di sgomento, a cui è seguito un silenzio surreale. Dopo qualche istante la gente (che era li per tifare ognuno il proprio beniamino in finale)  si è alzata in piedi ed ha cominciato ad applaudire e a sostenere Jessica per spingerla a non mollare da quel risultato straordinario che stava ottenendo, in quel momento non c’erano più bandiere, non c’erano più confini eravamo tutti uniti a sostenere un individuo straordinario che rappresentava tutti gli uomini, in quel momento lo sport aveva vinto, aveva raggiunto il suo risultato più grande UNIRE! E’ stato davvero un momento speciale!

Quale è il tuo campo di tiro preferito e perchè?
Ogni campo dove la gente in allegria si ritrova per divertirsi insieme praticando questo meraviglioso sport!

Quanti anni avevi quando hai preso in mano il tuo primo fucile?
Avevo 4 anni e mezzo, il nonno paterno mi promise che un calibro 24 monocanna della Beretta sarebbe stato il mio primo fucile ed io chiesi allora che fosse subito adattato a me per potermi esercitare e papà e nonno furono costretti a tagliare il calcio che divenne minuscolo ma della misura giusta!

Quale è la tua filosofia di vita?
La serietà, l’onestà e la dedizione pagano sempre!

Quali sono i tuoi obiettivi e piani per il futuro?  
Sicuramente come per ogni atleta la partecipazione ai giochi olimpici! Il piano è semplice mettersi subito al lavoro, del resto chi ha tempo non perda tempo, no?

Che consiglio daresti a chi si ispira a te?  
Nel pieno rispetto di tutti siate sempre voi gli arbitri di voi stessi credendo nelle vostre potenzialità sempre!

Video & Foto