Senza-titolo-1

Tiratore Generico

Tiratore Skeet Beretta

Presentazione

Mi chiamo Giulio Fioranti e la mia disciplina è il Trap nel quale sparo con il Beretta 692; i campi da tiro dove mi allento sono il TAV Valle Aniene ed il TAV Vetralla. Sono nato il 22 agosto del 1991 a Roma. Ho iniziato a sparare nel, 2005 e la mia prima gara riconosciuta dalla ISSF è stata nel 2007. Lavoro nel Corpo Foresta dello Stato. La mia filosofia di vita è: “bisogna saper vivere giorno per giorno”
.

 

Scopri Storie e Successi!

Biografia

Giulio è un tiratore romano che ha iniziato a sparare nel 2005 all’età di 14 anni; è entrato nel mondo del tiro a volo grazie a suo padre, che tutt’ora lo segue e lo allena. Fa la sua comparsa sulla scena mondiale nel 2007 partecipando al Campionato del Mondo Junior a Cipro.

All’Europeo del 2008 a Nicosia si piazza settimo, mentre l’anno seguente sempre durante il Campionato Europeo di Osijek riesce ad entrare in finale arrivando però solo sesto. Sempre Junior nel 2010 partecipa al Campionato del Mondo con sede a Monaco di Baviera, durante il quale ottiene la medaglia di bronzo.

Durante il 2011 partecipa sia al Campionato Europeo Junior dove raggiunge il secondo gradino del podio, sia al Campionato del Mondo Junior, entrambi con sede nel campo di tiro di Belgrado.

Nel 2013 passa senior e partecipa alla Prova di Coppa del Mondo ad Al Ain.

.

 

Palmares

2007 – WCH junior Nicosia, rank 19, tot: 110
2008 – ECH junior Nicosia, rank 7, tot: 118
2009 – ECH junior Osijek, rank 6, comp: 115 final: 18 tot: 133
2010 – WCH junior Munich, rank 3, tot: 120
2011 – WCH junior Belgrade, rank 9, tot: 119
ECH junior Belgrade, rank 2, comp: 121 final: 22 tot: 143
2013 – WC Al Ain, rank 16, tot: 12

Cosa porta con se in pedana?

Chiara indossa Uniform Pro

 

 

Cainero_325x488-cosa-indossa  

Gilet da tiro, Tuta Uniform Pro, Cappello, Polo, Maglietta tecnica Beretta, Cuffie, Occhiali...

 

tuta_400h


chiara-Cainero_dotazione

.

Intervista

Quale è il tuo fucile preferito?
Perché preferisci usare quel determinato modello di fucile?
Indubbiamente è il fucile con il quale mi trovo meglio ( puoi dirci qualcosa di più sulle caratteristiche preferite del fucile che usi) perché è ben bilanciato, non si impenna , maneggevole, brandeggio adeguato?...)
Perché ha la batteria estraibile, perché è un buon connubio tra prezzo e qualità , 692 perchè è un derivato  del Dt11 ( per quanto riguarda le canne)

Quale è il tuo tiratore preferito?
Mio padre, Concetto Fioravanti.

•    Chi ti ha ispirato a praticare il tiro a volo?
Mio padre, vedendolo sparare ho iniziato quasi per gioco e poi mi sono innamorato di questo sport. La sua costante vicinanza ed il suo supporto tecnico (nonostante lui non faccio il tecnico di mestiere) hanno fatto di me il tiratore che sono oggi e tutto ciò che ho conquistato e che conquisterò lo devo solo a lui.

•    Il ricordo più bello legato al tiro a volo?
La mia vittoria al mio primo Campionato Italiano Junior a Todi nel 2006. Sicuramente è il più bello anche per il fatto che è stato inaspettato dato che non dovevo partecipare a quella gara, ma avendo vinto un bonus sono riuscito ad entrarvi e a vivere quel momento.

•    Quale è il tuo campo di tiro preferito?
Senza alcuna ombra di dubbio il Trap Concaverde di Lonato, credo possa rasentare la perfezione.

•    Quanti anni avevi quando hai preso in mano il tuo primo fucile?
Avevo circa 10 anni, ero in casa con mio padre e ho provato ad impugnare il suo fucile; anche se essendo onesto ho a casa delle foto di me all’età di tre anni con mio padre che mi aiuta a tenere un fucile in spalla.

•    Quali sono i tuo obiettivi e piani per il futuro?
Ovviamente continuare nel mondo del tiro a volo e stare nella Nazionale; partecipare a sempre più competizioni a livello internazionale e cercare sempre di migliorarmi conquistando mete sempre più ambite.

•    Che consiglio daresti a chi si ispira a te?
Lo sport è un mondo strano, ti sa dare delle gioie immense come delle grandi delusioni. Il mio consiglio è quello di accettare quello che viene, che sia una vittoria o che sia una sconfitta, soprattutto se è una sconfitta non bisogna demoralizzarsi, ma usare l’esperienza per migliorarsi.

 

Video & Foto

 


 

Il fucile

3_cainero_DT11

Non c’è tiratore al mondo, dal più affermato al principiante, che non conosca le straordinarie prerogative di precisione, bilanciamento, maneggevolezza, durata dei fucili da competizione DT11 Trident Beretta. Chiara Cainero spara con il Dt11 Beretta.